Centro specializzato in andrologia, chirurgia andrologica, chirurgia plastico andrologica. MENU
 
ELENCO Domande Frequenti

DOMANDE FREQUENTI

  1. Da sempre la mia vita sessuale è un disastro perché appena mi eccito e cerco di avere un rapporto completo con la mia partner, raggiungo immediatamente l’eiaculazione, spesso ancor prima che sia avvenuta la penetrazione.Tutto ciò è chiaramente motivo di insoddisfazione per la mia partner ed anche per me che temo di perderla a causa di ciò.Cosa posso fare?
  2. Da alcuni anni soffro di prostatiti recidivanti.Purtroppo ho notato che con l’inizio di tali problemi si è aggiunto anche il fatto che ho cominciato ad avere uno scarso controllo dell’eiaculazione; mentre prima riuscivo a far raggiungere l’orgasmo anche alla mia partner senza difficoltà, adesso dopo poche spinte raggiungo l’eiaculazione.Ciò è divenuto frustrante sia per me che per la mia partner che oramai si rifiuta di avere rapporti.Come posso rimediare?
  3. Da qualche tempo ho delle infiammazioni continue alla pelle che ricopre solitamente il glande ed ho notato che la pelle stessa si è molto ristretta rendendomi impossibile lo scoprimento del glande stesso.A ciò si è aggiunto il fatto che eiaculo dopo pochi secondi dalla penetrazione, cosa che prima non succedeva.Possono essere le infiammazioni e il conseguente restringimento della pelle la causa di questa eiaculazione così rapida?
  4. Durante tutto l’anno lavorativo i miei rapporti non durano più di 2 minuti a causa della mia precocità.Come vado in vacanza improvvisamente le cose vanno meglio e ritorno ad avere un controllo maggiore dell’eiaculazione.Come mai?
  5. Da sempre mi capita una cosa abbastanza strana.Mentre con la mia partner solita riesco ad avere un buon controllo dell’eiaculazione, con altre partners occasionali eiaculo immediatamente dopo la penetrazione.Come mai?
  6. Ho letto su una rivista che ora con un piccolo intervento chirurgico si può guarire da quel fastidioso problema dell’eiaculazione precoce.E’ vero? E’ necessario prima eseguire degli esami specifici?
  1. Da sempre la mia vita sessuale è un disastro perché appena mi eccito e cerco di avere un rapporto completo con la mia partner, raggiungo immediatamente l’eiaculazione, spesso ancor prima che sia avvenuta la penetrazione.Tutto ciò è chiaramente motivo di insoddisfazione per la mia partner ed anche per me che temo di perderla a causa di ciò.Cosa posso fare?

    Basterà, dopo un preciso colloquio sessuologico col suo Andrologo, eseguire degli esami neuroandrologici specifici che permetteranno appunto allo Specialista Andrologo di consigliarle la migliore soluzione a tale problema che è sicuramente risolvibile o con terapia farmacologia o con terapia chirurgica oppure psicosessuologica.Tutto a beneficio della sua vita sessuale e sentimentale di coppia e quindi della sua serenità.

  2. Da alcuni anni soffro di prostatiti recidivanti.Purtroppo ho notato che con l’inizio di tali problemi si è aggiunto anche il fatto che ho cominciato ad avere uno scarso controllo dell’eiaculazione; mentre prima riuscivo a far raggiungere l’orgasmo anche alla mia partner senza difficoltà, adesso dopo poche spinte raggiungo l’eiaculazione.Ciò è divenuto frustrante sia per me che per la mia partner che oramai si rifiuta di avere rapporti.Come posso rimediare?
    Sicuramente è indispensabile risolvere il problema delle prostatiti recidivanti e stabilire che non vi siano altre concause di tale problematica.Vi sono al momento nuovi metodi terapeutici per la risoluzione di queste forme di prostatiti “ostili” ai comuni trattamenti.
  3. Da qualche tempo ho delle infiammazioni continue alla pelle che ricopre solitamente il glande ed ho notato che la pelle stessa si è molto ristretta rendendomi impossibile lo scoprimento del glande stesso.A ciò si è aggiunto il fatto che eiaculo dopo pochi secondi dalla penetrazione, cosa che prima non succedeva.Possono essere le infiammazioni e il conseguente restringimento della pelle la causa di questa eiaculazione così rapida?
    Queste infiammazioni della cute prepuziale si chiamano balanopostiti e sono frequenti ad esempio nei diabetici , in coloro che frequentano palestre oppure in chi ha rapporti occasionali in promiscuità con più partners, e non rispettano una corretta igiene dell’apparato genitale.La continua infiammazione del prepuzio determina un restringimento della stesso determinando quindi un’irritazione maggiore delle terminazioni nervose superficiali del pene che si ipersensibilizzano, causando così la perdita del controllo dell’eiaculazione.Un semplice intervento di circoncisione potrebbe essere la soluzione di questa forma di eiaculazione precoce.
  4. Durante tutto l’anno lavorativo i miei rapporti non durano più di 2 minuti a causa della mia precocità.Come vado in vacanza improvvisamente le cose vanno meglio e ritorno ad avere un controllo maggiore dell’eiaculazione.Come mai?
    Spesso lo stress e le tensioni psicologiche che si possono avere durante il periodo lavorativo determinano un riflesso negativo sulla normale attività sessuale ed anche sul controllo dell’eiaculazione.Una volta appurato che questa è la sola causa del problema lo Specialista Andrologo potrà darle dei consigli comportamentali utili e se proprio necessario anche un supporto farmacologico e psicologico a volte necessario in tali situazioni.
  5. Da sempre mi capita una cosa abbastanza strana.Mentre con la mia partner solita riesco ad avere un buon controllo dell’eiaculazione, con altre partners occasionali eiaculo immediatamente dopo la penetrazione.Come mai?
    La situazione sia ambientale ( inadeguata privacy ) che psicologica possono essere determinanti in una problematica di questo genere.Non rimane che stabilire se sia solo questa la causa o se vi siano magari delle concause che possono accentuare il problema.
  6. Ho letto su una rivista che ora con un piccolo intervento chirurgico si può guarire da quel fastidioso problema dell’eiaculazione precoce.E’ vero? E’ necessario prima eseguire degli esami specifici?
    Si è vero, si chiama Neurotomia desensibilizzante, ed è un intervento che si effettua in anestesia locale e grazie al quale è possibile desensibilizzare la regione sottoglandulare del pene spesso ipersensibile e quindi responsabile dell’eiaculazione precoce.Vi sono indagini specifiche che permettono di stabilire se questa sia la soluzione più corretta.E’ assolutamente indispensabile che questi esami neuroandrologici vengano effettuati prima di un eventuale intervento di questo genere.

torna su